Tact project - Thought in action

Home

|

Descrizione

|

EU Partners

|

Eventi

|

News

|

Contatti

Area Riservata

Entra

News

Reportage TSR
Reportage fatto dalla Télévision de la Suisse Romande.
http://www.nouvo.ch/114-3
-------------------------

Foglio informativo a cura della Comunità Europea
Tact info sheet
-------------------------

Articolo tratto dal quotidiano svizzero "le Temps"
Articolo "Le Temps"
-------------------------

Articolo tratto dalla rivista dell'UNAPEI (Francia)
Articolo
-------------------------

Articolo tratto dalla rivista "Mente e cervello"
Articolo
-------------------------

Riassunto del progetto

TACT (“Pensiero in Azione”) è un progetto di ricerca, finanziato dal 6° Programma Quadro della Comunità Europea nell'ambito del programma NEST-Adventure, che mira a sviluppare una serie di ausili tecnologici, non-intrusivi e di facile uso, insieme ad una metodologia al fine di estrarre più informazioni dal movimento e dalla gestualità dei bambini di quanto non sia attualmente possibile. Lo scopo di TACT è di analizzare azioni intenzionali tipiche dell’infanzia, in particolare azioni con un intento comunicativo (gesti, sguardi, ecc…) per mezzo di giocattoli sensorizzati capaci di estrarre parametri dai movimenti, compiuti dal bambino nel giocare con i giocattoli stessi, ma anche capaci di misurare il tipo di presa con la mano, sia in termini di forza esercitata che di configurazione della mano. Al fine di esplorare il mondo emotivo del bambino, alcuni giocattoli sono progettati in modo da rispondere a determinati tipi di manipolazione con suoni e melodie la cui complessità varia col variare della complessità dei movimenti stessi. TACT prevede anche di sviluppare sistemi innovativi per monitorare, nel bambino, azioni comunicative complesse come la vocalizzazione e lo sguardo. Questi dispositivi verranno forniti, dopo un periodo di test eseguiti in laboratori specializzati, anche a centri clinici che normalmente non hanno accesso a tecnologie avanzate per il monitoraggio del movimento e dello sguardo, ed anche direttamente in ambiti familiari tramite i centri clinici stessi. È possibile prevedere che questi strumenti innovativi permetteranno per la prima volta una diagnosi precoce dei disturbi del neuro-sviluppo con possibili benefici anche in ambito terapeutico.